Pubblichiamo e condividiamo il comunicato dell’Associazione Nazionale Il Melograno – Centri Informazione Maternità e Nascita.

Qui è possibile scaricare il documento con il testo completo.

Il Natale è alle porte: sentite già il profumo di cannella e il suono delle campanelle di Rudolph? 🦌🔔
Festeggiamenti, cene, pranzi in famiglia e regali sotto l’albero.
Bambine e bambini a casa da scuola!!
Wooww!!
…si ma, quante difficoltà con i compiti!
E ancora, se mamma e papà lavorano, come si fa?
➡️➡️➡️ NO PANIC!! Vi aiutiamo noi!!

☃️🎄L’idea di Natale 🎁🎅 è la nuova proposta dedicata a bambine/i e ragazze/i per il sostegno allo studio e il potenziamento scolastico.
E, non ultimo, per venire incontro alle esigenze dei genitori che durante le feste lavorano.
Uno spazio di studio e di gioco, in piccoli gruppi sostenuti dalla presenza di un educatore.
Iscrizioni entro mercoledì 21 dicembre, inviando una mail a: metodostudio@ideasociale; o chiamando il numero: 389 9203568

Appunti per genitori imperfetti e affettuosi

  • SABATO 21 e 28 gennaio con orario 10.00 – 12.0
  • VENERDI 10 febbraio con orario 20.30 – 22.30
  • SABATO 25 febbraio con orario 10.00 – 12.00

Il percorso di formazione è basato sul Circolo della Sicurezza-Parenting®, un programma ideato per supportare genitori, educatori e chi si occupa di bambini e bambine, ragazzi e ragazze, da 0 ai 18 anni di età.

Utilizzeremo mappe, filmati, immagini e schede coinvolgenti che aiutano a osservare, a comprendere e a rispondere per quanto possibile ai bisogni di ognuno, riparando alle rotture relazionali quando necessario. Non è mai troppo tardi per aumentare il benessere tra grandi e piccoli. Utile agli adulti che vogliono riflettere sulla propria esperienza, può offrire strumenti anche a chi vive una genitorialità che pone richieste complesse: genitori separati, genitori adottivi, affidatari, volontari che si occupano di solidarietà tra famiglie…, genitori ed educatori di bambini con bisogni particolari.

Il Circolo della Sicurezza-Parenting® coniuga la semplicità di un linguaggio aderente alla vita quotidiana al rigore scientifico, essendo radicato in un ampio e consolidato percorso clinico e di ricerca.

Il programma prevede 4 incontri della durata di circa 2 ore, a cui seguirà un secondo ciclo per chi vorrà aderirvi.

Verrà formato un gruppo di 6 – 8 persone condotto dalla dott.ssa Silvia Zottarel – Psicologa psicoterapeuta, educatrice del “circolo della Sicurezza – Parenting®”.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CLICCA QUI

Novembre è il mese in cui si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle Donne.

❓Quali e quanti generi di violenza esistono?

❓Quali dinamiche si creano tra chi esercita violenza e chi la subisce?
(Direttamente, come nel caso delle donne vittime di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale, economica – per citarne alcuni ma la lista potrebbe continuare…- o indirettamente, come nel caso di bambine e bambini vittime di violenza assistita)

❓Come operatrici e operatori che hanno a che fare quotidianamente con famiglie, con bambine e bambini, sappiamo riconoscere i segnali che parlano di violenza?

❓E se ci troviamo davanti ad un caso di violenza, sappiamo come muoverci?

Da queste domande siamo partite per decidere di formarci attraverso la collaborazione di figure altamente qualificate e competenti in questo ambito, che ringraziamo.
Il quarto incontro della nostra formazione interna sarà tenuto da operatrici del CAV Telefono Rosa di Treviso.

Idea Sociale offre un nuovo servizio!

L’Osteopatia può essere definita come un consistente ramo del grande albero della medicina manuale, dove però l’intenzione e l’interesse dell’operatore si rivolgono al Movimento. Nella materia osteopatica “Movimento” acquista la sua accezione più ampia ma, allo stesso tempo, più aulica; dal macro movimento dell’articolazione della spalla alla fluttuazione del liquido cefalo rachidiano, il ruolo dell’Osteopata è quello di Ascoltare il Movimento e, una volta  identificate le sue alterazioni, informare il corpo (o il distretto corporeo in questione) del paziente tramite stimoli fisici, così da generare effetti sul piano chimico o biologico, spesso con risvolti anche sul piano psico-emotivo.

L’Osteopatia si occupa dell’essere umano dai primi giorni di gestazione fino all’età più avanzata, rispettandone le specifiche caratteristiche biologiche.

“Esiste una stretta relazione tra movimento e vita”
A.T. Still, padre dell’Osteopatia.

Per informazioni e appuntamenti rivolgersi a Diego Roncari, Osteopata D.O. – 392 2079561

Come accogliere, accompagnare, trasformare un’esperienza di lutto perinatale

La morte è parte integrante della vita.
Unica esperienza paritaria del vivere insieme alla nascita, riguarda tutti gli esseri viventi senza distinzione.

Ma c’è morte e morte.
Non perché esista una scala nel dolore, in quanto chi attraversa un lutto ha comunque perso un pezzo che non torna nella stessa forma, ma perché ci sono morti più scomode, più sconce di altre.
Le morti prenatali appartengono forse a questa specie di cui sembra sia meglio tacere: sono morti infatti ingenerate dallo stesso corpo che genera la vita.

Un vero e proprio ossimoro: come si può morire prima o mentre si nasce?

Con la presente formazione LENIRE LE FERITE. Come accogliere, accompagnare, trasformare una esperienza di lutto perinatale vorremmo ripescare buone prassi e strumenti di lavoro dalla pratica quotidiana di operatrici della nascita che accompagnano e stanno accanto a donne, uomini, bambini e bambine dopo una perdita perinatale.

Perché ogni famiglia possa trovare un luogo dove condividere il proprio lutto, mutare lo sguardo sul proprio abisso, esplorare lo sconosciuto per ritrovare un significato al proprio dolore.
Per aver qualcuno accanto mentre si attraversa il buio del bosco.

Perché nessuno si trovi più vittima di un qualsiasi forma di omissione di soccorso pratico ed emotivo.


PER SAPERNE DI PIÙ VISITA LA PAGINA DEDICATA

 

Respiri, parole ed esperienze

per accompagnare gli uomini nel diventare padri

“Nella parola papà c’è ritmo,
due battiti di cuore,
la semplicità di un piccolo dito
che indica un uomo e lo definisce,
nel suo essere più assoluto”
(Alessandro Bruno)

Presentazione del Master in Arte del Paternage

La paternità è ancora un mistero da scoprire e da vivere.

Per decenni abbiamo vissuto nella convinzione che il ruolo paterno non avesse bisogno di insegnamenti, quasi come se alla nascita dei nostri figli tutte le nozioni e l’esperienza necessaria germogliassero in noi. Nessuno ci ha insegnato a prenderci cura di loro o a chiedere aiuto, bastava sapere che quello paterno è un ruolo che richiede autorità, spirito di sacrificio e sicurezza. Con questi presupposti molti uomini hanno affrontato la novità dell’essere genitori rifugiandosi dentro corazze fatte di falsi miti, distanze e parole.

Se a tutto questo aggiungiamo una società sempre più veloce nei cambiamenti e che offre sempre meno certezze, comprese quelle dell’essere uomo, la crisi dell’essere padri oggi è quanto di più naturale possiamo aspettarci e le difficoltà che si incontrano generano sentimenti di inadeguatezza e vergogna.

Ma anche per chi riconosce e accetta la crisi non è facile trovare sostegno, perché spesso le figure professionali a cui possiamo rivolgerci non dedicano attenzione e riconoscimento adeguati alle specificità dell’essere padri.

Alcune realtà sperimentano da anni cerchi di padri, spazi fisici e non solo dove gli uomini possono trovarsi e ritrovarsi, sentirsi accolti e accogliere, dove poter sperimentare un modo nuovo di relazionarsi.

Uno spazio per poter conoscere e riconoscere l’arte del paternage.

L’esperienza dei cerchi e una storia associativa di 40 anni accanto a uomini e donne che desiderano diventare padri e madri è il fondamento di questo percorso formativo per uomini che, attraverso le loro competenze ed esperienze, possano dar vita a gruppi di sostegno pratico ed emotivo per padri.


Se vuoi saperne di più, guarda la diretta Facebook fatta il 20 giugno 2022

SEI INTERESSATO? VISITA LA PAGINA DEDICATA

 

AIUTARE BAMBINE E BAMBINI A RITROVARE SE STESSI

Il progetto educativo Alice Project ritorna a Povegliano, Treviso (1988 – 2022)

Quattro incontri serali: 20.30 –  22.30
Gennaio – Maggio 2022

Il modello educativo “Alice Project”, sperimentato nelle scuole in India da oltre trent’anni, nasce per volere di Valentino Giacomin. Maestro di origini trevigiane, ha insegnato per molti anni presso l’Istituto Comprensivo di Villorba Povegliano (TV).

I significativi risultati ottenuti da Alice Project, in un contesto estremamente difficile e in situazioni di particolare fragilità sociale, possono risultare una buona pratica su cui riflettere e da cui prendere spunto, nel sostenere la generazione di persone più piccole nel nostro Paese. Bambine, bambini e adolescenti, che stanno vivendo su loro stessi e loro malgrado, le conseguenze di uno stato emergenziale sanitario che li costringe ad adottare comportamenti e abitudini non consone ai bisogni e ai desideri della loro giovane età.

Con questo ciclo di 4 incontri, intendiamo riflettere su alcune possibili soluzioni di cui la comunità educante deve tener conto per il ben-essere della generazione più giovane. Mai come oggi, la famiglia, la scuola, tutta la comunità educante ha il dovere di assumere il ruolo di adulto significativo, prendendosi Cura del ben-essere delle bambine e dei bambini in quanto persone, riportando l’attenzione sul bambino come protagonista del suo percorso di vita.


Date degli incontri:

  1. Giovedì 27 gennaio 2022 – relatrice Milena Forese, Pedagogista e Mindfulness Counselor.
    Alice Project, Universal Education School. Il racconto di un’esperienza unica al mondo, per sviluppare un’educazione sostenibile e una cultura di pace.
    Collegamento online con le Scuole dell’India.
  2. Mercoledì 16 marzo 2022 – relatore Maurizio Stefani, psicologo e psicoterapeuta.
    Gli effetti psicologici della pandemia sui ragazzi/e. Quale aiuto da parte degli adulti e di tutta la comunità educante?
  3. Mercoledì 20 aprile 2022 – relatrice Paola Salvadori, Dirigente dell’Istituto Comprensivo Don Milani di Barberino Tavarnelle; scrittrice, si è aggiudicata la ventitreesima edizione del Premio letterario LiberEtà, con il libro “Imperfetto futuro”.
    L’esperienza dell’Istituto comprensivo di Barberino Tavarnelle. Prima Scuola Pubblica ad accogliere il progetto Alice Project.
  4. Mercoledì 18 maggio 2022 – relatore Umberto Bidinotto, Filosofo, Psicologo e Counselor olistico.
    Una prospettiva più ampia nel campo dell’educazione scolastica e non: la differenza tra personalità e individualità.

Moderatrice dei quattro incontri: Luciana Mellone, Presidente Idea Sociale Treviso.

 


Per informazioni e prenotazioni:
Idea Sociale Treviso, tel.: 0422 1740404 (dal lunedì al venerdì 9:00-13:00)
e-mail: coordinamento.tempointegrato@ideasociale.org
Gli incontri si potranno seguire anche online.

Auguriamo a tutti voi Buone Feste! 🎄🎅🍾

 
I nostri uffici saranno chiusi al pubblico dal 24 dicembre 2021, al 10 gennaio 2022.
Per eventuali comunicazioni, potete inviare una mail a: