Incontro per Educatori, Genitori e Operatori Sanitari

Venerdì 18 Giugno 2021, dalle ore 20.30 alle ore 22.30 – in modalità online

Percorreremo le tappe evolutive del bambino immerso in un ambiente linguistico dalla nascita, seguendo come dal primo pianto neonatale si arriva alla comprensione e poi alla costruzione di frasi complete. Ogni passaggio da una fase all’altra implica un periodo di osservazione prove ed errori da parte del bambino e segue l’evoluzione di altri sistemi: lo sviluppo fisiologico, neurologico, motorio, psicomotorio, neuropsicologico e affettivo relazionale. Conoscere lo sviluppo del linguaggio nella sua “normalità” ci permette di osservare il suo progredire e di scoprire eventuali ritardi, così che adulti ed educatori siano in grado di mettere in atto quegli atteggiamenti della comunicazione verbale e non – utili a favorire i passaggi evolutivi sia nella comprensione che nella produzione del linguaggio.

Il servizio di logopedia offre consulenze valutazioni e terapie per bambini che non parlano all’età prevista dalle tappe di sviluppo regolare o hanno un linguaggio limitato o ancora hanno difficoltà nella organizzazione di fonemi (suoni della lingua parlata), di parole, di frasi. L’intervento della logopedista accompagna i genitori nella conoscenza dei passaggi di evoluzione del linguaggio e nelle modalità da perseguire per stimolare la comparsa o l’arricchimento e in alcuni casi la correzione dei difetti che sono già presenti. La terapia con il bambino avviene attraverso il gioco per i più piccoli e tramite attività motivanti per i più grandi.

Alcuni bambini presentano alterazioni della voce o della deglutizione: questi problemi vanno affrontati in età precoce per evitare l’instaurarsi di patologie in età adulta. La logopedista conduce una rieducazione dei movimenti della respirazione, della fonazione e della alimentazione: al termine del trattamento nei primi due casi la voce uscirà senza sforzo e si eviterà l’ingrossamento delle corde vocali, nel terzo ci sarà un riposizionamento dei denti che le posture non corrette hanno spostato.

I problemi di disfluenza possono creare altrettante difficoltà di relazione. Il “parlare velocemente” o il “balbettare” sono anch’essi problemi che curati nei bambini permetteranno ai futuri ragazzi e poi adulti di comunicare senza ostacoli. La logopedista programma interventi per migliorare la fluidità verbale.
I ritardi o disturbi degli apprendimenti scolastici costituiscono un altro capitolo: una parte di questi possono essere evitati o ridotti agendo in età prescolare sul linguaggio e sugli aspetti grafo-motori. Anche questa è una competenza della logopedista.

In tutti gli interventi il programma è costruito attorno all’individuo-bambino all’interno della sua famiglia.
I percorsi possono avere differenti durate a seconda della problematica e della collaborazione del bambino.

Per informazioni: Patrizia Faitin – 340 2880432 (dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.00)

Strumenti pratici da applicare in contesto scolastico e familiare

Il percorso formativo intende:

  • Proporre uno spazio formativo dialogico in cui confrontarsi rispetto a dubbi, opinioni ed emozioni rispetto alla tematica dell’essere on-line, cittadinanza digitale, competenze mediali di ragazzi e adulti,
  • Rendere partecipi educatori, docenti, genitori e adulti significativi rispetto gli stili e le modalità di utilizzo dei nuovi media da parte delle generazioni che vivono la rete oggigiorno,
  • Condividere strumenti, risorse e stimoli utili per sviluppare un sereno equilibrio digitale,
  • Destrutturare i pregiudizi/stereotipi legati ad esse siano essi positivi che negativi,
  • Fornire competenze e strumenti per essere figure educative capaci di raccontare le proprie esperienze on-line
  • Condividere esperienze, strumenti e attività per proporre attività educative rispetto al tema della media education & dell’educazione digitale

Metodologia

Il formatore avrà la funzione di raccogliere i diversi vissuti, stati emotivi e dubbi dei presenti rispetto alla tematica proposta. Verranno trattati sia gli aspetti metodologici per un uso consapevole dei nuovi media sia come queste tecnologie possano diventare strumenti proattivi nella relazione educativa con il proprio figlio. L’obiettivo principale sarà costruire assieme definizioni e buone prassi rispetto alle tematiche trattate.

Destinatari

Il percorso di formazione è rivolto principalmente a Professionisti dell’area Educativa; possono parteciparvi anche genitori e adulti significativi che volessero approfondire il tema delle nuove tecnologie di comunicazione ed i mass media rispetto a figli e ragazzi.

Date

10 – 17 – 20 – 31 maggio 2021, dalle ore 18.00 alle ore 20.30 in modalità ON LINE

Formatore

Gregorio Ceccone, Pedagogista esperto in Teorie e Metodologie dell’e-learning e della media education.


CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIÙ

In occasione della Giornata Internazionale del bacio, un incontro per riflettere sul valore del contatto e dei legami affettivi all’interno della famiglia e per conoscere i servizi pubblici a sostegno dei neogenitori, dedicato in particolare alle donne in attesa, ai genitori di bambini 0-1 anno, ma anche ai loro nonni.
Iscrizione obbligatoria al link: http://bit.ly/Trevisoperlafamiglia_13aprile

Segnaliamo questa formazione organizzata dal Comune di Povegliano
Il corso è rivolto ai residenti dei comuni di Povegliano e limitrofi.

Rivolto a genitori, Educatori/trici, Insegnanti.

A quasi un anno dalla nostra prima lettera al Ministero dell’Istruzione, siamo di nuovo a rivolgerci al Ministero dell’Istruzione e al Ministero per le Pari Opportunità e la Famiglia, portando considerazioni e riflessioni che ci sono care e soprattutto, a nostro avviso, urgenti di attenzione [continua a leggere]

BREVIS

Formazioni brevi on line

sabato dalle 9.00 alle 13.00

20 marzo 2021

FRATELLI E SORELLE NON SI NASCE

Cristina Realini
Luci e ombre di una relazione vista al di là degli stereotipi ancora presenti nel pensiero collettivo.

27 marzo 2021

TATTO E CON-TATTO

Patrizia Porcina
L’importanza delle carezze nella costruzione dell’identità dell’essere umano.

10 aprile 2021

È NATA UNA MAMMA: DONNE MIGRANTI

Cristina Covre
Il sostegno a domicilio con donne che diventano madri lontane dal proprio paese d’origine.

1 maggio 2021

COMPLETARE L’INCOMPIUTO

Cristina Realini
Vissuti e sentimenti ambivalenti di una nascita prematura.

22 maggio 2021

IL BAMBINO NON VISTO

Milena Biondani
Rabbia e aggressività nei bambini da 0 a 6 anni.

2 ottobre 2021

GINOCCHIA SBUCCIATE

Rosa Monachelli
Gioco pericoloso o rischio controllato?

30 ottobre 2021

DI MADRE IN FIGLIA, DI MADRE IN FIGLIO

Patrizia Porcina
Trasmissione trangenerazionale dello stile di attaccamento e della qualità della cura.

27 novembre 2021

SGUARDI VELATI, STORIE SVELATE

Luana Panichi – Federica Marini
La violenza agita sulle donne e sui minori in epoca perinatale.


CLICCA QUI PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI.

SCARICA QUI IL PROGRAMMA.

 

#IOSTONELSENTIRE

La Psicomotricità è una pratica socio-educativa che, attraverso la spontaneità del gioco corporeo e la relazione con l’altro, accompagna e sostiene l’individuo nel suo sviluppo. L’attività è guidata da una psicomotricista e si rivolge principalmente a bambini/bambine e ragazzi/ragazze e alle loro famiglie, con particolare attenzione alle situazioni svantaggiate o di disagio, promuovendo la salute
fisica, psicologica e sociale.

La proposta psicomotoria è un’occasione di crescita e confronto, dedicato a chi cerca uno spazio di espressione, di ascolto, di scambio, di cambiamento. La Psicomotricità è funzionale alla promozione del benessere e alla prevenzione del disagio, e aiuta ad armonizzare lo sviluppo dell’identità, a favorire potenzialità e competenze personali, ad accogliere l’espressione emotiva e a dare nuove possibilità di trasformazione ed evoluzione.

Il progetto di Psicomotricità può svolgersi nella palestra “El Garufa” di via Everardo 6/B – Treviso (per gruppi di bambini dai 3 ai 10 anni) o essere costruito in collaborazione con istituzioni educative.

Il percorso si articola in sedute a cadenza settimanale, in un ambiente predisposto per l’attività di gioco libero, e incontri di dialogo e sostegno con le famiglie o le figure educative.

Per informazioni rivolgersi a Irene Brusadin, Psicomotricista Relazionale Accamamam® – Email: psicomotricita@ideasociale.org

Crescere figli sicuri di sé

Appunti per genitori imperfetti e affettuosi

Serata formativa gratuita online, aperta a genitori ed educatori, venerdì 29 gennaio 2021 (20.30-22.30).
Iscrizione obbligatoria per ricevere il link dell’incontro.

Durante l’incontro ragioneremo sugli scambi quotidiani tra adulti e bambini, sui  momenti diffcili e su quelli sereni; rifetteremo sull’equilibrio di affetto e autorevolez-
za, libertà e guida.
Utilizzeremo mappe, filmati, immagini e schede coinvolgenti che aiutano a osservare, a comprendere e a rispondere per quanto possibile ai bisogni di ognuno, riparando alle rotture relazionali quando necessario.  Non è mai troppo tardi per aumentare il benessere tra grandi e piccoli.

Verrà anche presentato un percorso di formazione – il Circolo della Sicurezza-Parenting® – ideato per supportare genitori, nonni, educatori e chi si occupa di bambine e bambini, ragazze e ragazzi, da 0 a 18 anni di età. Può offrire strumenti anche a chi vive una genitorialità che pone richieste complesse: genitori separati, genitori adottivi, affidatari, volontari che si occupano di solidarietà tra famiglie…, genitori ed educatori di bambini con bisogni particolari.

Il percorso Circolo della Sicurezza-Parenting® coniuga la semplicità di un linguaggio aderente alla vita quotidiana al rigore scientifco, essendo radicato in un ampio e consolidato percorso clinico e di ricerca.
Il programma, a cui sarà possibile iscriversi, prevede 4 incontri, della durata di 2 ore.
A scelta:
percorso mattutino: 26 febbraio, 12 e 26 marzo, 9 aprile 2021 – dalle 10.00 alle 12.00;
percorso serale: 23 febbraio, 9 e 23 marzo, 13 aprile 2021 – dalle 20.30 alle 22.30
Conduttrice del gruppo: dott.ssa Silvia Zottarel (psicologa, psicoterapeuta ed educatrice del Circolo della Sicurezza Parenting®).

Per maggiori informazioni e iscrizioni, scrivere a silvia.zottarel@ideasociale.org o telefonare al numero 3392195490 (dalle 8.00 alle 13.30).

Si tratta di un progetto che sta prendendo forma per rispondere alle esigenze dei ragazzi e della ragazze, in particolare quelli della Scuola Secondaria. Nel contesto scolastico attuale, le relazioni fra pari e con gli adulti di riferimento sono limitate, facendo emergere criticità e difficoltà anche nella fascia 11-14 anni.

Il progetto educativo si propone di costruire uno “spazio” di condivisione, un “cerchio” in cui i ragazzi possano, con la guida di un Educatore Professionale, essere stimolati in un confronto profondo rispetto a temi quali: conflitti, amicizia, cambiamenti, sogni, desideri, relazione fra pari e con adulti.

L’obiettivo è quello di creare un clima che accolga il pensiero di ognuno, in un’ottica di rispetto e crescita reciproca, in modo che i ragazzi possano, in questo delicato momento, sentirsi ulteriormente ascoltati.

Verranno utilizzati stimoli quali racconti e brevi video allo scopo di agevolare la riflessione.

Il percorso proposto è pensato in un’ottica di collaborazione con le istituzioni scolastiche, in modo che le parole dei ragazzi possano trovare eco negli altri ambiti quotidiani, come la classe e la famiglia.

Il numero di incontri e la specificità dei temi si definiranno in base alle richieste dei vari Istituti.

Per informazioni: info@ideasociale.org04221740404